Coronavirus: Sella, donazioni per le strutture sanitarie della Campania e iniziative per sostenere l'economia
logo sella

Comunicato stampa

Coronavirus: Sella, donazioni per le strutture sanitarie della Campania e iniziative per sostenere l'economia

Il gruppo ha destinato 25 mila euro all'ospedale Domenico Cotugno di Napoli e all'ospedale San Giovanni di Dio e Ruggi d'Aragona di Salerno impegnati a fronteggiare l'emergenza

Il gruppo Sella ha avviato una serie di iniziative per contribuire ad affrontare l'emergenza sanitaria in corso. Tra queste, soluzioni immediate di e-commerce per i negozi costretti a chiudere, finanziamenti a condizioni agevolate per imprese e famiglie che devono acquistare device digitali per lo smartworking e la scuola a distanza e moratoria dei mutui per i clienti in difficoltà. Il gruppo ha previsto anche fondi per le strutture sanitarie della regione Campania e piattaforme gratuite per le Onlus che avviano raccolte.

In particolare per le strutture sanitarie della regione Campania il gruppo Sella ha donato 25 mila euro agli ospedali Domenico Cotugno di Napoli e San Giovanni di Dio e Ruggi d'Aragona di Salerno, per contribuire a sostenere le due strutture in prima fila nell'affrontare questa fase di emergenza.

"Come gruppo Sella abbiamo attivato fin da subito una serie di iniziative per tutelare i nostri clienti e i nostri dipendenti - ha dichiarato Gennaro Crescenzo, responsabile Territorio Sud di Banca Sella - e per sostenere i territori in cui operiamo e che stanno affrontando questo periodo particolare. Abbiamo voluto esprimere, attraverso alcune donazioni, la nostra vicinanza alle strutture ospedaliere della nostra regione che ogni giorno combattono contro questa emergenza. E allo stesso tempo - prosegue Crescenzo - abbiamo messo a disposizione nuovi strumenti a favore di famiglie e imprese che possono essere in difficoltà in questo momento e attivato modi innovativi per far sì che i nostri clienti possano relazionarsi con la banca, senza dover venire in succursale."

Interventi per l'economia

Moratoria - Banca Sella ha attivato su tutti i propri canali digitali la procedura attraverso la quale famiglie e imprese in difficoltà possono richiedere direttamente on line e senza necessità di recarsi in succursale la sospensione del pagamento delle rate del finanziamento o della sola quota capitale.

Finanziamenti agevolati - Banca Sella ha lanciato anche un pacchetto di finanziamenti agevolati in favore di famiglie e imprese, con due plafond per un importo complessivo di 15 milioni di euro, per l'acquisto di computer e altri dispositivi digitali. Il plafond per le imprese è pari a 10 milioni di euro e consente di acquistare con un finanziamento agevolato fino a 36 mesi pc, tablet, smartphone e corsi di formazione on line per abilitare i propri dipendenti allo smartworking e al lavoro da remoto. Il plafond per le famiglie, invece, è di 5 milioni di euro e consente di accedere entro il 30 aprile a un finanziamento di Sella personal credit da dedicare all'acquisto di computer e altri strumenti digitali, utili ad esempio per gli studenti che devono seguire corsi e lezioni on line durante il periodo di chiusura delle scuole.

E-commerce per i negozi chiusi - Per sostenere i piccoli negozi costretti a chiudere per le misure di contenimento del contagio del coronavirus, Banca Sella sta promuovendo l'idea della startup Vidra, nata nel proprio centro d'innovazione Sellalab. Il servizio, proposto gratuitamente per i prossimi tre mesi per far fronte a questa fase di difficoltà da parte dei negozi chiusi, permette ai piccoli esercizi commerciali che non hanno mai svolto attività on line di creare rapidamente un negozio virtuale, gestire pagamenti e provvedere alla spedizione dei prodotti attraverso una piattaforma dedicata all'e-commerce che integra in un unico strumento tutte le funzionalità necessarie.

Piattaforma di dialogo banca / cliente. Banca Sella ha attiva un'innovativa piattaforma per dialogare a distanza con i clienti, senza andare in succursale. Grazie al nuovo servizio sviluppato dalla scale-up Bandyer, infatti, i clienti della banca potranno accedere a una piattaforma di video e web collaboration che consente di dialogare direttamente con il proprio private banker o consulente di fiducia, o con il personale della succursale, senza doversi recare fisicamente in banca.

Iniziative di solidarietà

Donazioni - Per le strutture sanitarie della regione Campania il gruppo Sella ha donato 25 mila euro agli ospedali Domenico Cotugno di Napoli e San Giovanni di Dio e Ruggi d'Aragona di Salerno per contribuire a sostenere le due strutture in prima fila nell'affrontare questa fase di emergenza. Il gruppo Sella, attraverso tutte le sue società, ha già destinato oltre 250 mila euro in favore di organizzazioni e strutture sanitarie. In particolare la somma è stata destinata a all'ospedale degli Infermi di Biella, all'Unità di crisi della regione Piemonte, alla Fondazione Buzzi di Milano, all'ospedale ASST Fatebenefratelli Sacco Milano

Raccolta fondi tra i dipendenti - Sella inoltre ha avviato una raccolta fondi tra i propri dipendenti, impegnandosi a raddoppiare la somma raccolta, fino al 30 aprile. Nelle prime due settimane sono state raccolti 36.920 euro, raddoppiati dal gruppo e donati all'ospedale di Biella. La raccolta fondi prosegue anche nel mese di aprile con i fondi che saranno destinati ad altre strutture sul territorio nazionale.

Sostegno alle Onlus - Per incentivare tutte le raccolte fondi a sostegno dell'emergenza, Banca Sella ha deciso inoltre di mettere a disposizione gratuitamente delle Onlus le piattaforme sulle quali attivare e gestire le proprie campagne e di non applicare nessuna commissione sui versamenti di beneficenza.

Salerno,
8 aprile 2020

RELAZIONI CON I MEDIA - gruppo Sella - TEL 015/3501030

Questa pagina contiene un testo rivolto esclusivamente ai giornalisti. Ricordiamo che per avere più complete informazioni contrattuali è necessario fare riferimento ai fogli informativi pubblicati sulla sezione Trasparenza del presente sito internet o reperibili presso le succursali della Banca.